DSC_0435Roma non ha un grande tradizione in fatto di dolci ma la crostata di ricotta e visciole non si batte! Se venite a Roma e fate una passeggiata nel cuore del “ghetto ebraico” dovete assolutamente fermarvi da “er pasticcere der ghetto”, alias Boccione, e assaggiare la famosa crostata di ricotta e visciole. Non vi spaventate se trovate una fila chilometrica, vale la pena aspettare. Come riconoscere questo forno visto che non ha insegne? Seguite il profumo o chiedete “il forno del ghetto”, non potete sbagliare.

Se invece non venite a Roma, o in attesa di venirci, potete optare per questa mia versione della crostata di ricotta e visciole.

Gli ingredienti fondamentali sono solo due:

1. un’ottima ricotta di pecora. Mi raccomando la ricotta deve essere necessariamente di pecora perché essendo grassa si impregnerà del succo delle visciole e qui sta la differenza.

2. le visciole intere,meglio se preparate da voi l’estate prima come faccio io ormai da anni. Qui vi spiego come fare.

Questo delle visciole intere, e non della confettura di visciole, potrebbe essere un problema si perché le visciole sono davvero difficile da trovare. Questa estate praticamente ho girato e chiesto visciole ovunque andassi, praticamente sparite. Poi una botta di fortuna e le ho trovate, pochissime a dire il vero, da un piccolo contadino ne aveva giusto la quantità per riempire un vasetto.

Io sono un’amante delle crostate e questa sta in cima alla lista delle top ten! Goduria allo stato puro!

29324325243_df452ba6e0_o

La ricetta originale della crostata di ricotta visciole, di origine ebraica, prevede una crostata alla cui base vengono messe le visciole intere, in alternativa una confettura di visciole, sopra la ricotta e poi il tutto ricoperto con la frolla. Questa e’ una mia interpretazione della ricetta classica. Sarebbero carine anche delle mini crostatine.

DSC_0436

Crostata di ricotta e visciole

Per la frolla

250 gr. farina 0
130 gr. burro
100 gr. zucchero di canna
1 uovo intero
la scorza di un limone non trattato

Per il ripieno

300 gr di ricotta di pecora

1 cucchiaio di zucchero a velo

1 barattolo di visciole homemade

Setacciate la farina sulla spianatoia di legno. Fate una fontana e al centro mettete lo zucchero e il burro freddo tagliato a pezzetti. Iniziate ad impastare, poi per ultimo aggiungere l’uovo leggermente sbattuto. Amalgamate bene con le mani l’impasto fino ad ottenere una frolla elastica ed omogenea. Coprite con pellicola e tenete in frigo per almeno mezz’ora. Riprendete la frolla. Imburrate e infarinate uno stampo da crostata. Io ho scelto quello rettangolare lungo perché lo trovo molto chic.

Io non stendo la frolla con il matterello, ma come ho sempre visto fare a mia madre che ha sempre staccato un pezzetto di frolla e lavorata direttamente nello stampo. Ma voi fate come vi rimane più comodo. Bucherellate la frolla con i rebbi di una forchetta. Coprite con carta da forno delle stesse dimensioni dello stampo e distribuitevi sopra dei legumi secchi, infornate a 180°C per 40 minuti in forno statico. Trascorso questo tempo tirate fuori la crostata, eliminate i legumi e la carta forno e lasciate raffreddare.

Nel frattempo in un a ciotola sbattete la ricotta con lo zucchero a velo fino a renderla cremosa. Se volete potete aggiungere un cucchiaino da caffè di cannella. A questo punto potete riempire la vostra crostata con la crema di ricotta e distribuirvi sopra l visciole. Ed ora godetevi questo momento di puro piacere.

4 Comments on Crostata di ricotta e visciole

  1. Batù Simo
    27 settembre 2016 at 14:01 (12 mesi ago)

    Sono assolutamente convinta che sia una crostata super golosa! 🙂 grazie per la ricetta

    Rispondi
  2. Simo
    28 settembre 2016 at 13:52 (12 mesi ago)

    mamma mia che delizia….da creare dipendenza!!!!

    Rispondi
    • verdecardamomo
      28 settembre 2016 at 23:19 (12 mesi ago)

      a chi lo dici!!peccato pero che le visciole siano già finite ..sigh!! devo aspettare il prossimo anno per assaggiarla di nuovo

      Rispondi

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *