Natale è tradizione! Tradizione di festeggiarlo in famiglia aspettando lo scoccare della mezzanotte per fare a gara chi doveva mettere il bambin Gesu appena nato nella mangiatoia. Tradizione di scartare i regali la mattina del 25 e guai a farlo prima.

Tradizione da quando è nata Noemi di festeggiare la vigilia del 24 a casa mia per evitare poi di far uscire la #panellina a notte inoltrata con temperature poco adatte ai bimbi piccoli andar ea casa dei miei il giorno di Natale.

Tradizione di preparare da una settimana prima tantissimi dolci sempre quelli sempre gli stessi da sempre. Mai come quest’anno ho preparato tanti dolci per il Natale e non solo della mia tradizione laziale ma anche di altre regioni complice anche la mia Rubrica alla radio “In Cucina con Coop” dedicata alle feste in collaborazione con coop. Si perché questo che vedete in foto è un bellissimo e stupendo dolce tipico calabrese composto da tante rose racchiuse e tenete strette da un guscio di pasta chiamato Pitta ‘mpigliata o anche pitta ‘nchiusa che si prepara a natale e ch racchiude tutti i profumi e i sapori natalizi dalla frutta secca al profumo di arancia a quello della cannella e chiodi di garofano.

Lo mangiai per la prima volta a casa di un’amica di mio marito durante le feste di natale e mi rimase impresso. Proprio vero paese che vai dolce che trovi.

ah dimenticavo, volete la ricetta? Vi aspetto oggi alle 11 come ogni martedì, su #radio #antenna1 fm 107.1 per darvi la ricetta di questo tradizionale dolce calabrese delle feste. Mi raccomando puntuali perché ho solo 2 minuti. ma potete riascoltare e scaricare la ricetta sul sito di radioantenna1 e sul sito unicooptirreno. A dopo….buona giornata.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *